Seduction.NET

Home Geografia della Seduzione      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Seduzione anti-Isis

Sei seduttore per le arabe?

5 punti per capire chi può sedurre le arabe



Una bella araba international top class


Comunicato
Com’era già stato comunicato la rivista Seduction.net per il pubblico sarà penalizzata a favore del tempo e del lavoro che sarà dedicato ai GS.
Pertanto la pubblicazione dei nuovi articoli in chiaro non avrà più la cadenza quotidiana.

Andrea nuovo discepolo seduttore ha scoperto per caso la bellezza delle donne arabe. Così mi ha dato uno spunto per parlare nuovamente della arabe.
Il maestro grande estimatore delle ragazze arabe si galvanizza già quando vengono nominate.
Leggete per capire se siete dei seduttori per le arabe o per le sciampiste!

da: a.[--]@hotmail.it>
a: Carlo della Torre
data: 26 novembre 2015 19:38
oggetto: Re: Abbonamento TS (CONFERMA)
proveniente da: hotmail.it
: Importante principalmente a causa delle parole contenute nel messaggio.

Carlo,
confermo il mio interesse eccome!
Abito in un bellissimo quartiere, purtroppo proprio sotto casa si radunano molti pappagalli. I pappagalli, specie se numerosi, fanno molto rumore e portano degrado. Ma io ho la fortuna di guardarli dall’alto (e non solo fisicamente parlando).

Col caldo di questo [mese], sono scappato [--] giorni a [Capitale nell'Unione]. Casualmente ho comprato un biglietto della [compagnia aerea] che faceva scalo a [aeroporto]. Durante il volo ho scoperto un mondo nuovo: le arabe! Dietro quei veli sguardi penetranti ed insistenti. Mi piacerebbe specializzarmi in arabe.

Sicuramente bisogna stare attenti a casa loro, però ci sono sempre le arabe di Paris… Poi lì ci sono le filles nazionali, che a differenza delle nostrane (romane almeno) non sgarrano mai con il trucco! E sono sempre originali, anche se meno belle delle italiane (1 punto sotto direi – minimo). Tornato a Roma, dopo circa due settimane, l’energia della seduzione svanisce. Mistero?

Tu dici, “ti manca solo la città giusta”. Cosa ne pensi allora di Parigi? E delle città del sud della Francia? Marsiglia? O meglio Nizza? Li mi piacerebbe andare, anche se dovrei imparare il francese? In Germania no clima no food. Out. E l’iTAGLIA è tutta out? Milano mi è sembrata meno italiana e più europea.

Tieni presente però che io qui abito e qui vorrei sedurre. Parli di 12.500 gnocche sul territorio. Se riuscissi ad acchiapparne una su dieci me ne potrei fare una a settimana per i prossimi 24 anni! Se invece ne acchiappassi “solo” una su cento ne avrei per i prossimi due anni almeno (e poi si cambia città).

Il problema è che il mercato (della gnocca) romano è statico (o quasi?). Ci saranno pure delle isole felici nascoste in un territorio così vasto? Vanno poi prese in considerazione tutte le straniere (residenti e non). Dove conviene fare lo scouting qui a Roma secondo te? Poi ci sono le belle trentenni italiane (penso non le batta nessuno). Pranzano proprio dalle mie parti... (spero tu abbia inserito nella TOP SECRET “l’approccio della gnocca circondata dai colleghi durante la pausa pranzo”!).

Ti ho incontrato a settembre 2014. Via dei Condotti, venivi da piazza di Spagna e andavi verso via del Corso. Io andavo in direzione opposta e ti ho riconosciuto quasi subito (anche per via del tuo ciondolo bello grande). Incontravi un tuo amico (o allievo?); se non ricordo male sembrava un po’ zoppo. Non ero da solo, tu eri in compagnia e non ti ho fermato.

PS (1): il termine “sciampista” – dal dizionario Garzanti: “nei negozi di parrucchiere, lavoratore addetto al lavaggio dei capelli del cliente”. Come mai hai scelto proprio questo termine per definire le italiane? Mi fa troppo ridere. In effetti, anche ai livelli alti, le italiane sono un po’ sciampiste.

PS (2): (da un articolo pubblicato) vorrei sapere come sei giunto alla conclusione che a Roma operano circa 1000 pappagalli attivi 365 giorni/anno. Di sicuro non sono dati ISTAT! E quanti sono in totale i pappagalli a Roma? E una città come Roma quanti pappagalli può sopportare? Per sopportare intendo il numero oltre il quale il pappagallo non si disperde più e inevitabilmente arreca danno.

PS (3): mi è dato sapere quanti siete voi di Seduction – abbonati e lettori? E quale è la percentuale di domande accettate? Sul sito si parla di circa 1 domanda su 2 accettata, ma tu mi scrivi che le accetti col contagocce. Non capisco.

PS (4): hai mai fatto un calcolo su quale sia la percentuale (o il numero) di seduttori in Italia e nel mondo?

PS (5): i due mesi per passare alla GS decorrono da oggi o dalla data del versamento?

PPS: e così fai corsi pure alle iTAGLIETTE?! O quelle non le accetti?

Attendo istruzioni,
[Nome]


Il report del maestro sulle arabe

Caro [--], quante domande tutte sparate in una volta. Se tutti i miei discepoli mi bombardassero così, di domande di abbonamento ne potrei accettare solo una su cento, non una su due. E poiché è uscito il tema dell’accettazione ti rispondo subito: accettavo una domanda su due in media ma da qualche mese le accetto col “contagocce”, perché io sono uno e voi siete ormai in troppi e il lavoro che vedi pubblicato è solo una piccola parte del lavoro che non vedi, delle e-mail private, gli sms, il Forum riservato, i whatsapp sul numero internazionale (che ora hanno solo quelli che incontro all’estero ma avranno tutti con la Revolution), le telefonate sul numero italiano, gli incontri, i raduni, i corsi live, etc. Con la Revolution dovrò restringere di più perché se tutti mi whatsapperanno andrò in stress da lavoro e non avrò più il tempo per la seduzione.

LE ARABE
Le hai scoperte anche tu! Le arabe belle sono la mia passione.
Hai visto i loro ”sguardi penetranti ed insistenti”. E mi dici: ”Mi piacerebbe specializzarmi in arabe”. Hai trovato il maestro giusto! Quando passerai alla GS leggerai sul Forum riservato che solo nel mese di novembre sono stato letteralmente rimorchiato (negli aeroporti) da diverse arabe di diversi paesi. Se cerchi lo specialista delle arabe lo hai ben trovato, però non mi bombardare! Se hai visto ”sguardi penetranti ed insistenti” potresti essere il tipo che piace alle arabe. Le arabe sono attratte a pelle e a magnetismo, non sono razionali come le russe. Non tutti si possono specializzare in arabe.
”Sicuramente bisogna stare attenti a casa loro” è vero. Bisogna avere il know how e molta discrezione. Se seguirai la mia guida (già scritta non ancora inviata ai GS) rischierai nulla. Per concludere il tema delle arabe ecco i punti fondamentali da sapere prima di cimentarsi nella seduzione della arabe:

1) Accertarsi se si è il tipo che piace alle arabe, se non piaci alle arabe non c’è nulla che tu possa inventare, perché le arabe vanno a pelle.

2) Interiorizzare che la seduzione delle arabe è trasgressione vietata e bramata. Le arabe sono appunto calde perché il sesso è vietato e il frutto proibito è bramato.

3) Ci vuole la discrezione e la segretezza, cose che chi ama le arabe ama già di suo. A me la seduzione segreta viene naturale, non mi piace lo show. Se non ami lo show né il cazzeggio e ti piace sedurre in segreto sei in linea con la seduzione araba.

4) Con le arabe non c’è bisogno di parlare molto, basta uno sguardo per capirsi. I parlatori non sono i seduttori per le arabe, con le arabe devi comunicare a sguardi ed emozioni.

5) Contrariamente a quello che si crede le arabe scelgono, non sono scelte. Scelgono proprio perché la loro cultura impone di essere scelte e quando una cultura vieta la libertà di scelta questa diventa il primo desiderio.
Tutto il resto, sul come muoversi con la massima libertà nel mondo arabo, resterà un segreto dei GS.

Quando passerai alla GS potrai anche leggere questo case dal titolo “Rimorchio araba high class” di cui la foto in apertura. C’è un’intesa anche mentale.

La Francia. Meglio dell’italietta, ma le francesi geneticamente sono meno belle delle italiane. Hanno più classe e non sono omologate come le italiane. Io sceglierei Nizza, Marsiglia è troppo pericolosa. Parigi è troppo grande con troppi arabi pericolosi. Un’amica, francese dei territori d’oltremare, che vive a Parigi e per tornare a casa deve attraversare la banlieue, mi ha detto che è terrorizzata. Una ragazza terrorizzata non è nello stato mentale per essere rimorchiata. In compenso a Parigi ci sono tante belle arabe e se sei un italiano hai molte più chance di un francese. Ci sono i pro e i contro come ovunque… la città perfetta in tutto non esiste, devi vedere se soddisfa le tue preferenze e se le cose alle quali devi rinunciare sono per te ininfluenti.

Salto altri punti (di considerazioni giuste) altrimenti mi fai scrivere un libro. Me li riproporrai in un’altra e-mail.

Ho capito con chi ero quando mi hai visto su via Condotti. Non è un allievo ma un seduttore che conoscerai nelle mie lezioni, che era in riabilitazione dopo un incidente stradale sotto una macchina che l’ha rotto tutto e mandato in coma. Si stava riprendendo è camminava con le stampelle.
I tuoi PS:

1) Sciampista in gergo era anche quella che si fa lo shampoo ogni mattina e vive solo di shampoo e trucco. La shampista vede il Grande Fratello (3 milioni di sciampiste) e legge le riviste gossip, conosce tutte le veline e i tronisti. Non capisce una minchia, ha il cervello di una gallina. Molte sono “bone”, e buone per il sesso una tantum ma devi essere il tipo da sciampista, meglio se tatuato, un po’ neanderthal, fronte bassa, faccia da idiota, microcefalo…

2) L’Istat non conosce i pappagalli, ho fatto io la statistica. Sono un migliaio che operano ogni giorno in tutta Roma, ma quelli del centro h24 sono un centinaio. Non conta solamente quanti sono ma contano gli effetti, cioè i danni che fanno. Una straniera che passa in centro sarà sicuramente molestata da qualche pappagallo. Con il passaparola in tutto il mondo viene detto alle straniere che vengono in Italia che tutti i romani sono pappagalli e che vanno evitati. Il conto lo pagano anche i seduttori. Le italiane sono immuni dai pappagalli perché i pappagalli versione stradale non si avvicinano a loro.

3) Ti ho risposto all’inizio sulle domande accettate.

4) Non ho calcolato quanti siano i seduttori nel mondo anche perché il confine fra seduttore, aspirante seduttore o grande seduttore o seduttore seriale non è netto. E poi c’è chi seduce con lo status, chi con i soldi, chi con le chiacchiere, chi con il fisico, chi con la bellezza, chi con il carisma, chi con la naturalezza, chi con il potere. E’ un mondo vario. I seduttori secondo i miei standard sono l’1% della popolazione maschile. E secondo i miei calcoli il 10% della popolazione maschile attrae il 50% delle donne! Non tutti i GS sono grandi seduttori ma sono maschi che hanno alcune caratteristiche per diventare grandi seduttori e sono persone affidabili per stare in una comunità dove ci si aiuta fra “fratelli seduttori” .

5) I due mesi per passare alla GS decorrono dall’invio della TOP SECRET perché lo scopo è quello di farla assimilare nel tempo, non è un termine “burocratico” messo li senza ragione.

6) I corsi alle Italiane con la I maiuscola (le italiette non si rivolgono a me perché mi odiano) li facevo quando voi eravate di meno. Ora purtroppo il tempo non mi basta. Sono una settantina in lista d’attesa e la maggioranza si sarà pure stancata di aspettare. Dovrò organizzarmi meglio per assistere le italiane che meritano e che vogliono imparare a capire l’imprinting dei maschi per sedurli scegliendoli attivamente onde avere un rapporto più equilibrato e appagante con l’altro sesso.

Ti invio qui di seguito le istruzioni...
Buona seduzione romana



Carlo consiglia la Newsletter TOP SECRET sulla seduzione. Chi, come, dove e quando sedurre: tutto quello che bisogna sapere, e che nessun altro al mondo vi può dire.



(Martedì 1 Dicembre 2015)


Home Geografia della Seduzione      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

scrivimi.gif
© testi & foto: Seduction Magazine - tutti i diritti riservati - copyright © 1997-2017.
Sito CSTR srl    Riproduzione vietata.     Help