Seduction.NET

Home Geografia della Seduzione      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Gnocche inutili

Svedesi scaldaCZ (Catanzaro)?

Esperienze di un expat GS in quel di Svezia




da: [nome.cognome]@yahoo.it>
a: Carlo Della Torre
data: 15 dic 2019, 21:07
oggetto: Re: Nuovo case
proveniente da: yahoo.it
firmato da: yahoo.it
sicurezza: Crittografia standard (TLS) Ulteriori informazioni
: Importante principalmente perché leggi spesso messaggi con questa etichetta.

Ciao Carlo

Ti ringrazio per avermi risposto e pubblicato. Mi ero quasi scordato di questo case. Quelle ragazze non le avevo mai viste prima e non le ho più riviste dopo quella sera. Posso solo dire che quella è stata una serata di grazia, che comunque mi aveva ben appagato il narcisismo.
L'incontro con quelle ragazze è stato il frutto della tua benedizione, che ben funziona (in fondo all'articolo)!

Dall'ultima volta che ci siamo sentiti mi è capitato solo un case, ma praticamente riassume la seduzione svedese. Cerco di descrivertelo senza essere prolisso.

Il case incomincia all'inizio di luglio, un sabato sera al [locale in Svezia], locale dove vado spesso. Ad un certo punto della serata arrivano quattro ragazze, una delle quali è proprio fica: un po' più alta di me (senza tacchi), minigonna nera in pelle che le lasciano buona parte delle gambe scoperte, bionda con un po' di abbronzatura. Unico difetto è il seno poco abbondante. Lei è sui trenta, il mio target.
Si mettono vicino a me, parlano e scherzano per tutta la serata, senza mai guardarmi. Il non guardarmi sarà una costante di questo case (e della seduzione svedese in genere). Alla fine della serata, quando se ne vanno, la ragazza in questione si gira e mi guarda. E' uno sguardo di curiosità, del tipo: "Perché questo non ci prova?". Io prendo semplicemente atto che il mettersi nelle mie vicinanze non era una semplice coincidenza.

Passano due settimane e le rincontro allo stesso locale. Lei è un po' più abbronzata, proprio fica. Se nella prima serata era stata discreta, nella seconda cazzeggia. Balla e si avvicina a me "in retromarcia", ossia con la schiena rivolta a me. Si avvicina fino a che non mi tocca con la borsetta. A questo punto rimane davanti a me ballando e aspetta mezzo minuto ca. Io inizio a toccarle leggermente i capelli, sto al suo gioco. Si allontana e dopo pochi minuti si ripete la stessa scena (ed io che le tocco i capelli anche questa volta). Si allontana e sparisce. Riappare dopo venti minuti con degli amici. Poi va al bancone, ed io, che mi ero stancato di giocare, me ne vado. Voglio rimarcare che non mi ha guardato neanche per sbaglio per tutta la serata.

La rivedo a fine luglio, sempre nello stesso locale. Mi ricordo che indossavo una giacca bianca. Lei mi vede e fa una sorta di sbadiglio, tipo "che fico questo".

Qui, col senno di poi, faccio un errore. Avrei dovuto cogliere la palla al balzo e attaccare. Non l'ho fatto.
Per una strana coincidenza, arriva una vecchia conoscenza, la donna del case. Mi distraggo un po'. Cerco con lo sguardo l'altra ragazza (quella del case che sto descrivendo ora), mi giro ed era dietro di me con le di lei amiche.

Non mi guarda mai. Nessun appiglio al quale mi possa attaccare per farmi avanti. Parlano fitto tra loro. Per quanto cerchi di trovare qualche buon motivo per approcciare, non mi viene in mente nulla di nulla. Questa è in assoluto la situazione che detesto di più, perché non so come risolverla. Non faccio nulla.

Alla fine della serata si gira e mi tira un'occhiata. La mimica facciale poi mi suggerisce il significato di quell'occhiata: si sta stancando di aspettare. E' una sorta di ultimatum.
Si rigira a parlare con le sue amiche, ed io non so come attaccare. Potrei tentare un approccio kamikaze, ma che le dico? Ho scoperto di avere un minimo di fantasia nelle frasi, ma ci deve essere qualcosa che inneschi la frase a effetto. Lei, o se preferisci la situazione, non mi danno alcuno spunto. La serata finisce così, con me frustrato per non avere trovato l'antidoto a questa situazione. Decido di non passare in quel locale per un po' di tempo.

Passa un mese e mezzo ca. e la rincontro. Sta al bancone con un'amica. Ha dei jeans grigi scuri, camicetta che mette in evidenza il ventre piatto, giubottino in pelle nera e scarpe col tacco alto che le lascano buona parte del piede scoperto. Viso abbronzato incorniciato dai capelli biondi. Proprio fica. A un certo punto iniziano ad avvicinarsi, passo dopo passo, verso di me. Un processo che dura ca. mezz'ora.
Durante quest'avvicinamento arriva un di loro amico che si unisce a loro. Alla fine sono tutti e tre vicino a me, con la ragazza in questione al mio fianco. Non mi guarda neanche un po'. A questo punto si ripresenta la stessa situazione descritta prima, cioè, nessun appiglio per attaccare bottone, con l'aggravante che c'è pure un uomo con loro. Io mi chiedo, che cyxxo di intenzioni ha?

Ad un certo punto arriva l'evento che potrebbe mettermi in gioco, deve essere stato il mio subconscio ad averlo creato! Giusto per chiarire, siamo tutti in piedi. Da un tavolino di dietro cade un bicchiere, si spacca e va a rotolare proprio dietro il suo piede mezzo nudo. Ottima occasione per intervenire, come da TS! Le tiro delicatamente il giubottino in pelle per attrarre la sua attenzione (siamo fianco a fianco). E lei? Niente! Come se non fossi lì. Continua a parlare tranquillamente. A questo punto decido di spostare il bicchiere rotto col mio piede, prima che lei lo calpesti (e si storpi!). Sembra che nessuno dei tre si accorga di nulla! Nessuna reazione! Sono sconcertato. Che avrei dovuto fare? E' una domanda alla quale non ho ancora trovato risposta. Dopo ca. un quarto d'ora se ne vanno, con occhiataccia di lei nei miei confronti.
Da allora l'ho vista solo due volte. Lei stava sempre a debita distanza da me. Anzi, ho l'impressione che voglia di proposito evitare quel locale per non incontrarmi.

Seduzione bruciata.

Solo qualche evento particolare potrebbe rimettermi in gioco, o, forse, una tua benedizione "all inclusive"!

Per riassumere, la seduzione svedese (secondo la mia personalissima esperienza) segue questo semplice schema, con eventuali piccole variazioni sul tema:

• Stare nelle vicinanze del Seduttore senza dargli appigli per l'approccio. Quest'ultimo è a totale rischio ed onere del Seduttore

• Ripetere questa cosa per un certo numero di serate.

Quando smettono di avvicinarsi ed evitano il Seduttore, allora la seduzione può considerarsi bruciata.
In base al mio istinto, oltre alla componente "scaldaCZ", c'è anche un forte timore nei confronti dello straniero che le inibisce. Non mi sembra che con lo svedese (inteso come uomo) siano così. Spero di trovare presto un antidoto a questa situazione, perché è un po' frustrante.
Spero di non averti annoiato con questa mia lettera.

Con stima
GS_Karlsson, [Nome Cognome]


L'analisi del maestro

Ciao GS_Karlsson. E’interessante notare che la tua lettera è arrivata prima di fine anno e a capodanno ho avuto la “rivelazione” di un meccanismo che riguarda un’amica, una delle Miss Ungheria, a destra nella foto e che potrebbe riguardare anche la seduzione delle svedesi perché ho notato delle similitudini fra le svedesi e le ungheresi.

Per me non è nulla di nuovo e questo meccanismo lo avevo percepito anche sulla suddetta e anche in modo “esagerato”, senza però saperlo sintetizzare come mi è stato esposto in due parole, più esattamente soggetto, verbo, oggetto.

Non ne ho mai parlato con voi, comunque è un “elementare Watson” per chi ha forte intuito. Ci farò una lezione GS per tagliare la testa al toro a tutte queste “seduzioni enigmatiche”, e per noi inutili, tranne saper dosare a nostro vantaggio il meccanismo che ne è all’origine. Da provare…

Mi ricordo che tempo permettendo avevamo in programma una Diamante a Stoccolma per capire meglio come funziona la seduzione svedese da “dietro le quinte” e per trovare una strategia di seduzione adatta alle ragazze svedesi. Sono certo che troverei una soluzione creativa, non ho mai fallito un rimorchio in alcun paese del mondo. Ci concentreremmo sulle svedesi doc non sulle immigrate che sono “mezze svedesi”.

Credo che in Svezia il target 30 sia molto più disponibile del target 20. Se fossi stato presente non si sarebbe creata la situazione di stallo che si è protratta per molti mesi diventando “patologica”. Ho in mente un’idea sia per il primo approccio sia per la conseguente seduzione basandoci sul meccanismo di cui sopra. Se le svedesi sono soggette a tale meccanismo, e se lo sapremmo ben sfruttare, la seduzione dovrebbe funzionare anche in Svezia. Sempre tutto da provare ma sul numero credo non ci siano problemi.

Per ora ti auguro buona seduzione con le svedesi bionde, che quando sono belle sono le più belle del mondo.
A me ovviamente le svedesi more e con le lentiggini.

Ciao Carlo



Carlo consiglia la Newsletter TOP SECRET sulla seduzione. Chi, come, dove e quando sedurre: tutto quello che bisogna sapere, e che nessun altro al mondo vi può dire.



(Martedì 21 Gennaio 2020)


Home Geografia della Seduzione      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

scrivimi.gif
© testi & foto: Seduction Magazine - tutti i diritti riservati - copyright © 1997-2017.
Sito CSTR srl    Riproduzione vietata.     Help