Seduction.NET

Home Editoriali      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Crociato disarmato

IL COLPO DI GRAZIA

L'ISIS darà il colpo di grazia all'ITALIA CRIMINALE


di Carlo della Torre


Crociato disarmato


L’Italia è morente, benché il prezzo del petrolio sia dimezzato e il dollaro stia a 1,1 sull’euro, cose che dovrebbero invece provocare un boom economico. Invece si festeggia il fatto che la caduta si arresterà! E se ne parla come se fosse il merito della politica! La manipolazione del popolo ignorante non ha più vergogna.

Mentre Renzi “il salvacasta” vi distrae con Festival di Sanremo (dico “vi” perché io l’ho mai guardato), i terroristi che si sono finanziati indisturbati col traffico di essere umani verso le nostre coste, ora attaccano la Marina “nostrana” e ordinano alla nostra nave di trafficare i loro esseri umani e tornarsene indisturbati sul loro barcone. Nessuna reazione da parte nostra, siamo agli ordini dei terroristi!

C’è da ricordare che l’Italia ha sempre finanziato i terroristi attraverso i servizi segreti per non subire attentati in casa. L’ultimo finanziamento di dodici milioni di dollari lo hanno ricevuto per il rilascio delle due cretinette Vanessa e Greta. Infatti finora non ci sono stati attacchi terroristici in casa nostra malgrado fosse un gioco da ragazzi far saltare la metropolitana di Roma, a porte spalancate.
In sostanza lo STATO CRIMINALE dice ai terroristi: “noi vi finanziamo ma voi gli attacchi li andate a fare negli altri paesi”. Lo STATO CRIMINALE ha sempre trattato con le organizzazioni criminali, è anche naturale che sia così, in realtà sono “colleghi”!
Unica eccezione è il delitto Moro. Faceva comodo a tutti levarselo dai piedi e quindi non si è trattato con le brigate rosse e alcune ipotesi dimostrano che sia stato proprio lo STATO CRIMINALE a favorire (o a organizzare) il delitto Moro. Gli altri paesi attraverso i loro servizi segreti sanno bene che l’Italia paga i terroristi per far fare gli attentati nei loro paesi invece che in Italia. E in questa nuova situazione che mette a rischio soprattutto l’Italia sembra che nessuno voglia intervenire in Libia, il messaggio è: “Ora sono cazzi vostri”.

Lo STATO CRIMINALE ha sempre ignorato la politica estera (non solo per ignoranza dei politici) delegandola ad altri (Usa, Onu, coalizioni), perché la politica estera non rende in corruzione, privilegi e tangenti, e si è sempre concentrato al massimo sul rubare il più possibile in patria.

Come sempre il conto qualcuno lo deve pagare. I terroristi dell’Isis, ora che sono arrivati vicino alle nostre coste, sanno bene che la posta in gioco è molto più alta e non si accontentano più dei finanziamenti. Adesso potrebbero devastarci facendo partire i barconi pieni di terroristi. Potrebbero veramente sfondarci. Noi siamo il ventre molle dell’Europa molle, e lo sanno bene. Qui tutti chiacchierano, vanno a sparare la loro in tv, ogni partito deve dire il contrario dell’altro per il teatrino della politica, si chiacchiera solamente e nessuno li fermerà. L’Europa è contro la pena di morte? Un bel regalo all’Isis che può sgozzare indisturbato!

Sentite l'alto rappresentante per la politica estera dell'Ue, tale sficata Federica Mogherini, quando la Giordania ha giustiziato due terroristi dell’Isis come rappresaglia del loro pilota crudelmente arso vivo: "Mentre devono essere fatti tutti gli sforzi per combattere il terrorismo e far pagare le conseguenze ai responsabili, la nostra reazione alla minaccia posta dal Daesh deve essere in linea con i nostri valori comuni di giustizia e diritti dei prigionieri. La posizione europea contro la pena capitale resta invariata".

Parole vuote. La posizione europea è quella di farsi tagliare la gola senza batter ciglio, non si capiscono quali siano gli “sforzi” e quali le “conseguenze ai responsabili”, non ci sono stati né sforzi né conseguenze, se non quello di finanziarli e lasciarli indisturbati a tagliare le gole o a farsi saltare ammazzando decine di cittadini inermi. Alla “Moncherina” questo non interessa, lei ha la scorta che la difende e non prende mai la metropolitana.

Ora si chiacchiera se fare la guerra oppure mettere quelli dell’Isis attorno a un tavolo per parlare e proporgli magari di prendersi Pantelleria in regalo, se i finanziamenti non bastano più a tenerli a bada. I nostri politici amano tanto parlare! Solo che quelli dell’Isis preferiscono tagliare le gole e parlare dopo, e i nostri politici alla loro gola ci tengono. Allora vogliono che intervenga l’Onu, che significa nuove chiacchiere a oltranza e poi qualche soldatino “in missione di pace”. Spendiamo 18 miliardi per la difesa e non ci sappiamo difendere da poche migliaia di terroristi. A che servono allora i 18 miliardi per la difesa che paghiamo con le tasse? Servono solo per mantenere la casta, e per le tangenti allo STATO CRIMINALE.

Come questa nuova situazione pericolosa potrà influenzare la seduzione?
Già l’influenza… io non prendo più la metropolitana e i mezzi pubblici da qualche tempo. Forse in futuro eviterò anche il centro di Roma, perché quando arriveranno a valanga quelli dell’Isis il centro sarà il posto più a rischio. Anche andare in un club (vedi attentato da Copenaghen) sarà un rischio, come pure viaggiare in treno e in aereo sarà più pericoloso, quando avremo migliaia di terroristi in casa.

La libertà di movimento e la sicurezza sono fondamentali nella seduzione. Se le cose andranno come si prevede ci saranno meno ragazze in giro, le ragazze staranno di più in casa con gli amici, o a guardare le tv, e saranno ancora più rincoglionite.

Il terrorismo, anche solo quello percepito come rischio, fa paura e di conseguenza la seduzione diventerà sempre più virtuale e meno reale sul territorio.

Vi sembra che stia esagerandoo? Per come stanno le “cose della seduzione” nel nostro paese una variazione in negativo dell’1% del comportamento femminile potrebbe aggravare la seduzione del 10%.

Ora di sempre, scappi chi può, dal paese di merda.



Carlo consiglia la Newsletter TOP SECRET sulla seduzione. Chi, come, dove e quando sedurre: tutto quello che bisogna sapere, e che nessun altro al mondo vi può dire.



(Lunedì 16 Febbraio 2015)


Home Editoriali      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

scrivimi.gif
© testi & foto: Seduction Magazine - tutti i diritti riservati - copyright © 1997-2021.
Sito CSTR srl    Riproduzione vietata.     Help