Seduction.NET

Home Copertine      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Trend della seduzione

La crisi del sesso nella seduzione

Le mutazioni della seduzione sono in contrasto con la natura umana



I volti riconoscibili dei presenti sono stati cancellati per la privacy. Fotostoria e case sul Forum riservato


Mi sono messo in copertina perché trovare una foto in sintonia con un articolo mi costa più tempo e lavoro che scrivere l’articolo! Ai giornalisti che scrivono della Meloni incazzata o allegra basta mettere una foto della Meloni incazzata o allegra facilmente estrapolabile da un video. I set di foto che si comprano online non mi piacciono perché sono finti mentre trovare una foto che rappresenti bene il tema dell'articolo è sempre molto difficile.
Allora non è per presenzialismo che sono in copertina anche perché in questa foto sono venuto “una chiavica” tant'è che mi volevo oscurare il volto. Comunque sia non posso perdere altre tre ore a cercare una foto originale che c'azzecca con il tema.
Tutto ciò per rispondere pubblicamente agli amici che mi dicono “tanto tu non lavori”, i quali non capiscono che per analizzare un fenomeno di seduzione e scrivere creativamente un articolo, corredato da foto azzeccate per Seduction, e poi impaginarlo, ci vogliono ore e ore e a volte un’intera giornata. E sto parlando solo di un articolo in chiaro non di tutto il resto. Quelli che mi dicono “tanto tu non lavori” fanno un lavoro ripetitivo standardizzato seppur di altissimo livello professionale come impegno mentale lavorano meno di me!
Mi sono tolto un sassolino dalla scarpa e adesso andiamo al tema di questo articolo.

La mia seduzione è seduzione reale ma solo alcuni GS sanno quello che c’è dietro ad una foto. Non sto rivelando in chiaro la mia vita privata né la mia seduzione privata. Non ci sono censure ad espormi in foto tranne che con certi look che non devono essere visti in chiaro per non essere copiati. In questa foto indosso una t-shirt di intimo e un ciondolo unico e irripetibile che nessuno può capire cosa rappresenti. I webmaster della seduzione truffa che non l'hanno mai praticata e sono a caccia di copiaggio si attacchino alla canna del gas anche se oggi costa troppo.

Il tema di questa copertina è la crisi del sesso nella seduzione.

In questo articolo del Corriere rilanciato da Dagospia si parla di alcune celebrità che non scopano più!. Io non so chi siano [Il chi cazz’é del maestro,ndm] perché non seguo il gossip, non guardo la tv degli idioti, non vado al cinema e per me sono tutti Fra’ Cazzo da Velletri e Sora Gnocca da Frosinone che le sparano grosse per apparire altrimenti non esistono. Comunque la notizia è che costoro si sono accodati a un trend che secondo i media di manipolazione di massa già esiste. Trend che un filosofo e un sessuologo contestano nello stesso articolo. C’è anche il trend dell’asessualità. Ma quanto incidono statisticamente sulla popolazione in età da seduzione?

Quest’altro articolo che tratta di un libro dello psicoanalista Luigi Zoja conferma lo stesso trend del declino del desiderio sessuale, tradotto: non si scopa più con soddisfazione!.

Zoja scrive “In teoria, con Tinder o piattaforme simili le cose sono chiare. Ognuno sa cosa si aspetta: anche se quella ‘cosa’ da tempo non riguarda più la relazione ma, direbbe il filosofo e psicoanalista Galimberti, solo l’idraulica di una relazione. Incrementando la fretta e l’ansia che sono condizioni anti-erotiche per la psiche, l’uso dell’elettronica fa decadere la ‘qualità’ del rapporto sessuale: secondo Julian, solo il 31 per cento degli uomini e l’11 per cento delle donne raggiunge l’orgasmo con un nuovo partner incontrato tramite app. Se invece l’incontro sessuale avviene all’interno di un rapporto già esistente, le percentuali salgono all’84 per gli uomini e al 67 per le donne. La tecnica, dunque, ha permesso un enorme balzo, ma non verso una sessualità più soddisfacente. La delega a un’app del graduale processo di avvicinamento e conoscenza elimina le infinite, non programmabili declinazioni dell’eros. Tende a ridurlo alla meccanica del corpo, per il quale l’esperienza diventa nettamente meno piacevole”.

Tutto quello che leggete, tolta la tara delle sparate per apparire sui media delle celebrities (i vari Fra’ Cazzo da Velletri e le varie Sora Gnocca da Frosinone) conferma tutte le analisi che scrivo da anni.

In primis che la seduzione intesa come “conclusione” si è fatta sempre più difficile. E che la seduzione sui siti d’incontro, sui quali pur non avendone mai avuto esperienza conosco i risultati da molti che li frequentano e anche alcuni GS, sono del tutto deludenti. Solo le disperate si mettono “in offerta” online. Quelle che non hanno alcun “seguito” nella vita reale. Io ho sempre scritto che solo le “cesse” o le pazze (escludendo le prostitute camuffate dette “escort”) si mettono in offerta online. I GS che praticano la seduzione virtuale me lo hanno confermato. “Chi si accontenta gode” ma se è vero che ”solo il 31 per cento degli uomini e l’11 per cento delle donne raggiunge l’orgasmo con un nuovo partner incontrato tramite app” chi si accontenta gode ben poco!

Ma se ”Zoja ripropone per spiegare come “per legge psicologica quasi immutabile, espressa da sempre nella leggenda dell’infelice re Mida, la sovrabbondanza in sé causa panico, caduta del desiderio, disgusto”, la sovrabbondanza c’è anche nei messaggi erotici della pubblicità, nei media di gossip con le varie “Sora Gnocca da Frosinone” che sparano foto nude per farsi rilanciare dai media, nelle influencer per pipparoli a fica all’aria e tette al vento, c’è nel porno e nel nuovo OnlyFans che ricicla le troie decadute. Tutto è virtuale e di qualità infima. Tutta merda per disperati che si accontentano del sesso virtuale: tiraseghe su gnocca virtuale phoroshoppata. Un mondo in decadenza.
Se questo trend virtuale continuasse per i prossimi duecento anni la nostra specie si estinguerebbe.

E poi ci sono le prostitute (termine legale), politically correct si chiamano escort, che per me sono le solite vecchie puttane (termine in disuso) del mestiere più antico del mondo.
Le puttane oggi vanno in tv a fare cultura, a sdoganare la prostituzione come fosse un’attività moralmente accettabile. La colpa non è loro ma di chi ce le manda e di chi ce le mette.

Sul computer avevo visto una trasmissione del conduttore italiano tale Giletti Massimo che sicuramente conoscete. Aveva invitato una prostituta e pornostar (detta escort) presentandola come una superstar, mettendosi quasi in ginocchio. Un'"intervista in ginocchio" ad una escort! Ma vi rendete conto dove siamo arrivati?
La tipa se la tirava alla grande come fosse una principessa, denigrava tutte le “colleghe” che per lei erano puttane di bassa lega mentre lei si proponeva come una Dea. Aveva dichiarato che diversi capi di stato e di governo la cercano e le offrono cifre astronomiche che lei rifiuta fino a quando questi sbroccavano. Tergiversava sul fatto di averLa data. Si considerava quasi una divinità della seduzione! Biondina con faccino affilato telegenico. Niente di ché. Quando si è alzata accanto al conduttore Giletti gli arrivava sotto la spalla. So quanto è alto il tale Giletti perché l’ho visto molte volte in diversi eventi. La escort era quindi "alta un c**** e un barattolo". Una gnappetta da quattro soldi con un bel faccino standard da tv. Volete sapere la mia attrazione verso la tipa alla quale capi di stato offrono cifre stratosferiche ? Io me la sarei “fatta” volentieri se la micro escort mi avesse regalato una Porsche!
Questi sono i modelli diseducativi che ci propongono i media. La prostituzione di una gnappetta come un’attività di prestigio!!!

La seduzione reale intesa come attrazione continua invece ad esistere, anzi viene rafforzata perché ciò che si vede e attrae nella vita reale soddisfa il desiderio, ma oggi la soddisfazione del desiderio sostituisce il sesso e questo è il problema.
«Io intendo la tentazione se vedo una bella ragazza o lei un bell'uomo». I due sposi, in quel caso, se lo dicono: «Raccontandocelo, la cosa diminuisce di forza e aumenta la fiducia reciproca». E’ la soddisfazione del narcisista che attrae anche la donna o l’uomo in coppia e da questa attrazione ne trae soddisfazione che basta ad appagarlo.

Il narcisismo patologico è fomentato anche da Instagram che sostituisce il sesso nella vita reale. Cento like danno più soddisfazione di una bella chiavata! Mille like orgasmi multipli. Non solo alle donne ma anche agli uomini.

Se il “trend dell’asessualità” è statisticamente irrilevante e serve solo a fare notizia, il trend della “seduzione virtuale” è maggioritario, soprattutto fra i giovani. Il ragazzo e la ragazza che frequentano i gruppi e la movida si seducono a parole e a sguardi ma non arrivano al “punto” della seduzione reale. Le ragazze seducono più uomini possibili ma è una seduzione a scopo narcisistico, che signiFica senza Scopo e “si risolve” in complimenti, inviti e like su Instagram. Qualcuna/o arriva al vero Scopo ma si tratta di una minoranza di casi su pochi seduttori e seduttrici. Possiamo chiamarla seduzione sociale su target individuali sedotti separatamente.

Ho già scritto che alcuni di anni fa, quando ancora non c’era Instagram, un seduttore grande scopatore, bel coatto fisicato, che si era già “fatto” mezza Roma, mi dichiarò durante un aperitivo nel locale “Freni e Frizioni” a Trastevere: “Il C**** non va più di moda”. Non batteva più chiodo e l’altra mezza Roma che non si era “fatta” se la doveva ormai dimenticare. Questo succedeva anni fa. Oggi il trend del “C**** che non va più di moda” è almeno raddoppiato. Un belloccio coatto oggi? Altro che mezza Roma, se si fa “mezza gnocca” se la sposa e ha già svoltato!

Ovviamente ci sono sempre le eccezioni ma qui stiamo parlando di un trend della seduzione che riguarda la stragrande maggioranza mentre una rondine non fa primavera. E ovviamente non consideriamo le/gli alcolisti e i tossici. Quello è un mondo gravemente malato che non è di nostra competenza.
Non consideriamo neppure le donne dello spettaCulo che “La” danno Scopo lavoro, Scopo “marketing” [termine derivante da marchette,ndm] compreso l’apparire per esistere: “Se mi scopo Fra’ Cazzo da Velletri che sta sulla rivista Chi ed è appena uscito dal “Grande Bordello” sarò famosa e camperò di rendita”. Non ci interessa, è tutto finto.

Diverse fonti attive sul campo della seduzione mi hanno invece riferito che un gran numero di maschi, loro amici e conoscenti, hanno rinunciato per sempre alla seduzione perché la considerano impossibile, una perdita di tempo ed energie per ricevere solo frustrazioni.

Allora quali sono le conclusioni per i seduttori dopo aver preso coscienza che la seduzione è diventata più difficile?

1 Molti seduttori hanno già percepito nell’aria questa mutazione e i seduttori seriali si sono convertiti in seduttori da relazione.

2 L’attrazione benché ridimensionata resta sempre una forza della seduzione poiché è una forza ancestrale che risiede in alcune aree del cervello non controllabili dalla ragione né dalla cultura. Migliorarsi sempre per attrarre, più di prima, un must.

3 Lo status professionale, benestante, o anche artistico (pittore anche non famoso) ha acquisito maggiore effetto sulla seduzione.

4 La seduzione nei siti di incontro che le lobby dei medesimi vogliono far passare per sdoganata, perfino di moda, è invece in continuo peggioramento nella qualità che era già pessima: le cesse e le pazze.

5 Instagram deve essere usato bene solo sulle conoscenze fatte nella vita reale. Insegnerò a pochi eletti (corso ad hoc) come usare un Instagram privato esclusivamente sui contatti selezionati nella vita reale. Chi lo usa per “rimorchiare” può prendere contatto con le amiche delle amiche purché siano negli stessi gruppi. Chi lo usa per rimorchiare random prende solo gli scarti dopo centinaia di tentativi. Chi ha lo yacht e la Ferrari rimorchia bene le troie su Instagram.

6 Praticare la seduzione sociale che alla fine paga in seduzione passiva anche se non è più seriale.

7 Il carattere e la personalità hanno acquistato maggiore valore nella seduzione sia sociale che individuale. Bisogna essere empatici.

Per oggi basta!



Carlo consiglia la Newsletter TOP SECRET sulla seduzione. Chi, come, dove e quando sedurre: tutto quello che bisogna sapere, e che nessun altro al mondo vi può dire.



(Martedì 8 Novembre 2022)


Home Copertine      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

scrivimi.gif
© testi & foto: Seduction Magazine - tutti i diritti riservati - copyright © 1997-2021.
Sito CSTR srl    Riproduzione vietata.     Help