Seduction.NET

Seduzione 2024

La seduzione delle americane e Firenze

Un GS di Firenze vuole passare dalle turiste americane alle teenager fiorentine



Un'americana a Firenze


------ Messaggio Originale ------ Da: [cognome].[nome]@postecert.it A: carlo@seduction.net Inviato: Saturday, April 6, 2024 10:54 AM Oggetto: [Nome] GS di base a Firenze, fa rapporto, e chiede indicazioni per target TEENS ITALIANE

Buongiorno Maestro Carlo, grande maestro di vita e di seduzione!
Come sta? Si trova ancora in Europa in questo periodo, o si è trasferito in qualche località assolata d’Oriente per lo scouting for seduction?! Che effetto fa il Brutto Paese visto da fuori? Qua stando alle TV, che raramente guardo, la pescivendola Meloni avrebbe risolto tutti i problemi del paese (scemo chi ci crede). No comment poi sul caso “Fregagni”, solo in questo paesino provinciale si può considerare una sex symbol, quel manico di scopa storto che specula sull’ingenuità delle persone.

Sono mesi che mi metto all’opera a Firenze, da quando sono abbonato GS, sono migliorato come persona, mi sento più maturo e responsabile. Non so come ringraziarla per tutti gli articoli che scrive in chiaro su seduction.net, mi aiutano a diventare consapevole della vita! Solo la gran massa dei trogloditi, denigrerebbero o metterebbero in discussione le sue osservazioni, soprattutto sul campo-Italia. La vera sfida però, è calarsi nel ruolo seduttore, lanciare l’esca ed attendere gli effetti, senza avere la smania della [secretare] garantita, che ahimè richiede tempo e costanza. Per darmi un tono ho deciso di immedesimarmi nell’attore [Nome attore], al quale assomiglio esteticamente, cerco di pensarmi attore in scena, per essere coerente e compatto con me stesso.
In vari mesi, mi sono messo alla prova, soprattutto con turiste americane, le quali sono la fauna più diffusa, in centro a Firenze, tuttavia ho stretto contatti anche con italiane over 30, ora le faccio un rapporto.

Americane: credo che abbiano un complesso di inferiorità culturale quando vengono in città storiche come Firenze, in genere si portano appresso un senso di inadeguatezza, e di irritazione permanente, paiono sempre un po’ spocchiose, e spesso hanno un fare maleducato. Credo poi, che la middle-class americana, non se la passi più piuttosto bene come 20 anni fa. Però mantengono quel grado di idealismo USA, come se fossero sempre sotto i riflettori ad incarnare la realizzazione del grande sogno americano. Mi attraggono esteticamente più delle latine, le vedo rimanere chiuse nella loro comitiva di amiche, non credo vengano nel BruttoPaese per fare conoscenze. Io mi fingo turista, chiedo indicazioni, simulo stupore per la comunanza di interessi, cerco di farle rilassare e di disattivare il loro radar. Lei sa che con loro c’è sempre il rischio denuncia… Cerco di usare un po’ di british humor, ma non sempre le troiacce capiscono l’ironia.
Ho dovuto spesso rinnegare il mio essere europeo acculturato per poterle far sciogliere, perché per quanto alcune siano veramente fighe, non hanno né classe né un minimo di civilizzazione, è come se fossero ad un’età della pietra culturale, bisogna assecondarle nelle loro convinzioni, e sostenere le loro scelte di vita. Mi dispiace Maestro, ma mi attirano loro di più delle latine, quando cominciano a fidarsi, ti invitano loro nell’appartamento, ciò è spesso il frutto di combinazioni fortunate, vale a dire assenza di amiche cesse, o coetanei sfigati. L’abbigliamento elegante credo sia un must per destare attenzione, in ogni caso il risultato è di rado garantito, e bisogna sudare. Io non voglio forzare mai per timore di denunce, alcune soddisfazioni me le sono tolte, ma rimane difficile re-incontrarle ed allacciare un rapporto: devi piacere fisicamente, ed essere fortunato.

Italiane: credo che le trentenni siano meno chiuse rispetto a 10 o 15 anni fa, forse al termine della pandeminchia hanno più voglia di vita. Le tiri dalla tua, solo se fai credere di essere una persona posata che si vuole accasare, mi sono reso conto che è meglio non fare il simpaticone, spesso sono tentato dal fare qualche battuta per farle ridere ed apparire leggero, ma credo che l’effetto sia deludente, e ciò che a me sembra un atteggiamento brillante, forse viene interpretato da una che non mi conosce, come un comportamento da stupidone-minchione, su questo mi sto correggendo, del resto, come è stato detto sul forum tante volte, è meglio cercare di proiettare un’immagine di affidabilità e maturità, prestare attenzione a non offendere la loro moralità perbenista e borghese. A volte bisogna saper uscire dal ruolo di attore che sta tenendo una parte, e mostrare un po’ i propri limiti e le proprie miserie umane, ciò è per farle sentire a loro agio, del resto non sono capace di essere James Bond 24 h al giorno. Ho tentato la tecnica del [tecnica secretata], per fornire loro una leva da afferrare, di modo che possano avere controllo, ma poi si deve ritornare compatti e coerenti col proprio sé, altrimenti se ci si dilunga, si diffonde un’energia negativa, e si rischia di fare la parte [effetto collaterale e indesiderato della tecnica].
Mi pare che l’italiana non abbia nel sangue il gusto dell’avventura, con tutta sincerità, le città italiane, non mi paiono il giusto scenario da sfondo ad un set di James Bond. Come è stato detto e ridetto sui post in chiaro, l’italiana la conosci attraverso amicizie e frequentazioni comuni. Ritengo sia quasi fantozziano tentare l’approccio con una italiana sconosciuta dai 20 in su. Su questo forse mi sbaglio, io sono un seduttore alle prime armi, ma ritengo che l’italiana anche più giovane, senta nell’aria l’energia di un possibile approccio, prima ancora che le parole escano dalla bocca. Credo che siano troppo collaudate e rodate per cascarci anche una sola volta, niente da fare, dal mio punto di vista, l’italiana ti deve conoscere, soppesare, e poi approvare.
Ho la fortuna di lavorare in un ufficio dove siamo solo 2 uomini e 8 ragazze, per mia fortuna le colleghe sono abbastanza carine, anche se sono tutte impegnate ed over 30, darei un voto 7 di media. Ritengo un’esperienza educativa, essere nello stesso ambiente con molte donne, perché aiuta a raffinare il carattere, a vestirsi in modo presentabile, credo che aiuti a capire su quali argomenti sia meglio tacere, e quali invece, possono essere argomenti neutri di cazzeggio anche con nuove conoscenze. Una delle “skills” che ho sviluppato, è [tecniche secretare tutto il periodo] “energia personale”. Una mia collega fidanzata, mi chiede spesso [secretare tutto il periodo], le slaccio pure [secretato] per avere più libertà d’azione, ma non sono così scemo da andare oltre, è super-perbenista e benpensante, ma col suo fidanzato a distanza, per me non è altro che una manipolatrice, che mette al primo posto la sua realizzazione personale. Ho notato con le americane, che se riesco a farmi [secretare tutto in chiaro], posso farle sciogliere e comunicare calore umano, quindi penso di avere il [secretato]. Maestro le metto in allegato delle foto, in cui ci sono io con alcune mie colleghe, sia indulgente nel suo giudizio su di me: in alcune foto ho un’espressione da coglione e mi sono promesso di cambiare occhiali, che in ogni caso, uso solo al lavoro.

Dopo questi argomenti, mi avvicino al cuore della questione: mi voglio specializzare su di un target, LE TEENS ITALIANE. Mi sono stancato dei lunghi tempi delle italiane over 30, e con le turiste USA, non si può costruire nulla di stabile. Vorrei focalizzarmi su bersagli più selezionati per età: mi riferisco alle italiane che vanno dai 17 ai 20 anni. Devo ammettere che se non avessi letto alcuni post in chiaro sul forum, non avrei mai riconosciuto gli sguardi affamati che queste ragazzine lanciano ai ragazzi più stagionati come me. Credo che inconsciamente tutti gli uomini siano attratti dalle ragazze giovani, che rappresentano gli esemplari più freschi ed in salute della specie. Ho l’impressione poi che la loro apparente ingenuità, e mancanza di esperienza, accresca il desiderio maschile. Però è evidente che sono un target problematico, almeno per me che [nel mese] 2024 compio [più vicino ai 40] anni. Non saprei né dove né come tentare l’aggancio, al contempo sento di avere il potenziale per piacere a quelle che sono mentalmente mature per starci, e che non fanno giochini o prese per il c**o.
Escludo categoricamente di adescarne qualcuna sui social, quindi devo agire all’aperto, preferibilmente di giorno. Non ho la minima intenzione di sfruttare le loro insicurezze, le loro angosce, o di raccontar loro balle, mi piacerebbe pormi come il fratello maggiore, o magari come una sorta di genitore sostituto, che dà consigli sulla vita e sui progetti per l’avvenire, in altri termini, mi piacerebbe essere considerato una delle poche persone di cui si possano veramente fidare. Maestro, ora che ho focalizzato l’argomento, vorrei farle alcune specifiche domande:

1) La mentalità, o l’energia universale a cui attingere. Mi pare palese dagli sguardi che alcune mi lanciano, che avrebbero voglia di avventura e di sesso, credo che gli ormoni si facciano sentire in modo potente, tuttavia a me manca un riferimento da seguire, un modello da imitare. Se avessi come target le milionarie americane, seguirei le orme di [Nome], il gigolò [professione secretata] ma con le teens, a causa della differenza d’età mi sentirei “fuori ruolo”, ciò mi farebbe uscire dalla mia “comfort-zone”. Con questo target, è più difficile governare il “caos-seduzione” perché il blocco culturale della differenza anagrafica è disorientante per entrambi. Manterrei fermo il principio che non si esce per rimorchiare, ma solo per “fare nuove conoscenze”, e comunque senza nessuna missione/programmazione pappagallesca, tuttavia mettendomi nella testa di una teen: “cosa può mai cercare di interessante da conoscere, un uomo quasi quarantenne, in una ragazzina che tutto deve imparare dalla vita?!”, rischio di essere considerato un maniaco sessuale. Dovrei essere scherzoso e leggero, agganciarle con un sorrisone, o dovrei far venir fuori la mia vena polemica e cinica da uomo sperimentato? Quindi a cosa o a chi ispirarmi a livello energetico-spirituale?

2) Il look. Quale archetipo proiettare nella fantasia erotica del target? Ormai mi è chiaro che l’uomo maturo, di carattere responsabile, equilibrato, e che emana affidabilità, sia più seducente del coetaneo infoiato, che si ammazza di seghe sui siti porno, e che in fondo è facilmente manovrabile se gliela si fa annusare. Io, anche se ho [3-] anni, ho un viso ancora giovanile, non ho, né occhiaie, né rughe di espressione, tuttavia ormai ho pochi [secretare] mi [secretato metodo per assomigliare a un attore]. Non saprei che look adottare con le teens, al momento, esco per comprare vestiti e scarpe, assieme alla collega pugliese bionda carina che ha visto in foto, è lei che mi suggerisce, ma i suoi gusti sono classici, per lei l’uomo deve essere vestito con vestiti di qualità ed eleganti, perché si vuole accompagnare a persone che non la facciano sfigurare. Dovrei apparire come più sportivo e giovanile della mia età? Che abbinamenti fare? Si può programmare un Corso-Look dedicato? Nel frattempo quali consigli?

3) Il luogo. A Firenze, [mezzo di trasporto pubblico], c’è una fermata, chiamata come [secretare tutto il periodo] le belle pollastrelle liceali. Meglio l’approccio sulla [secretare] od appena fuori dall’istituto? Una volta saliti sul tram, si è stretti come le sardine, si entra in un ambiente impersonale ed anonimo in cui nessuno parla, quindi non sarebbe sostenibile nei minuti successivi il “campo magnetico” attivato con l’aggancio. Vedo spesso le ragazze soffermarsi all’uscita dalle scuole, ma mi blocca l’effetto salotto: sono attenzionate da compagni e compagne di classe, inoltre sono (che sorpresa) aggregate nei loro gruppetti, per cui è da kamikazzo lanciarsi sul bersaglio. Potrei provare il “colpo da manuale” vale a dire l’incontro al parco, in tale situazione è possibile abbiano abbassate le difese, ma gradirei suggerimenti sulla situazione da creare. Nelle piazze principali di Firenze c’è sempre una gran massa di turisti, oggi stesso una ragazza del target, mi voleva fermare in Piazza di San Giovanni per un’informazione (ero vestito elegante con completo giacca-pantaloni-scarpe-cappotto), io credo che le ragazze nella vita, se la cavino egregiamente da sole, se chiedono aiuto a qualcuno, vogliono solo un supporto morale, a decisioni che hanno già maturato in autonomia… non mi sono fermato perché andavo per i cazzi miei, però la location, anche se spesso è satura di persone può essere buona di giorno, c’è un continuo ricambio di frequentatori ed i presenti, non fanno da guardiani ma cazzeggiano per i fatti loro.

4) La scusa/il pretesto: che scusa tirar fuori, quale pretesto usare per rivolgere la parola? Certo dipende dalla location… Soprattutto come durare nei primi minuti? Con le turiste americane è facile simulare di essere turista come loro, sono qualunquiste e se la bevono, ma le ragazzine italiane sono un caso diverso: sono materiale esplosivo. Temo che se non trovo il giusto approccio, rischio di camminare su di un campo minato, perché magari la prescelta mi dà semaforo verde, ma poi l’amichetta, che magari non è cessa, ma è ostile agli uomini, e vede negli “adulti” degli idioti da prendere per il culo, comincerebbe a sfidarmi e ad entrare in competizione per neutralizzarmi. Immagino lei capisca il nervosismo che si può avere in tale situazione. Lei crede che funzionerebbe la seduzione passiva, oppure le teens ancora sono immature? Dovrei tentare l’approccio a freddo di modo da non lasciar loro il tempo di pensare, ed attirare solo col look? Meglio l’aggancio al gruppetto od alla pollastra isolata?

5) Infine una domanda trasversale: cosa ne pensa della moda che si va diffondendo da circa 3/4 anni a questa parte, almeno in Italia, delle ragazze under 30 che indossano leggins leggeri che fanno vedere bene culo e mutande? Non crede sia un’esca per tontoloni? Certo alcune sono un bello spettacolo, ma ho l’impressione che certe tipe, avendo pochi altri argomenti, vogliano attirare l’uomo col proprio sedere, per poi vedere come il minchione si lascia prendere in giro.
Mi scusi della lunghezza della lettera, auguro a tutti i seduttori, buona fortuna, buona salute, e felici scopate.

La risposta del maestro

Carissimo GS. Ti ringrazio dei complimenti che fanno sempre piacere e ti comunico che sono in Europa nella attuale seconda patria ma domani volo a Roma per restare il tempo necessario alle incombenze. Vi aggiornerò sul Forum riservato sui prossimi miei viaggi.

Sono contento che sei migliorato. Conta il miglioramento dalla situazione di partenza senza pretendere l'impossibile.

La tua lettera è piena di contenuti interessanti e ben centrati ma la mia risposta non può essere esaustiva perché sei andato nei minimi dettagli della seduzione pratica che richiederebbe un corso individuale online o meglio una Diamante tutta sul look (per creare il personaggio e la sua storia) + un’altra Diamante sul campo. Tuo e mio tempo permettendo ma io adesso tempo non ne ho.

Mi chiedi i minimi dettagli della seduzione delle giovani che io pratico spontaneamente. Ma io sono “programmato” per quel tipo di seduzione, secondo la mia natura. Non tutti abbiamo la stessa natura, non tutti entriamo spontaneamente in sintonia con lo stesso tipo di donne. Chi non si è “evoluto” in sintonia con una tipologia di ragazze (che percepiscono immediatamente la sintonia), ha tanto lavoro da fare. Non c’è la bacchetta magica ma una riprogrammazione mentale ed estetica. Un lavoro lungo. Le ragazze sentono se sei uno di loro oppure un intruso.

La nostra regola è che si possono sedurre le ragazze dai 18 anni in su. Devono essere maggiorenni onde evitare ogni problema. La 17enne che vorresti sedurre è libera di guardarti ed essere attratta da te e tu puoi avere un look per attrarla, tutto consentito. Però puoi scambiare solo il contatto Instagram, senza alcun seguito, fino alla maggiore età.

Mi dai la sensazione fra le righe, ma forse sbaglio, che stai prendendo la seduzione in maniera maniacale. La seduzione maniacale non ti porterà ad alcun risultato sul target giovani, piuttosto ti ostacolerà. Ti prenderebbero per maniaco.
Non devi andare nei pressi scuole anche se ci sono delle studentesse maggiorenni. E’ da maniaci non è da seduttori. Capisco che la seduzione è diventata sempre più difficile e i maschi stanno perdendo il lume della ragione. Ci vuole self control. Tu stesso hai affermato ”mi sento più maturo e responsabile… senza avere la smania”. Così devi essere.

Sulle americane hai fatto un’analisi perfetta. Le conosci bene. Sono le più libertine e c’è la ragione. Non hanno il fardello della storia, della cultura del medioevo, sono tabula rasa, sono edoniste. Sono dei “maschiacci” nel corpo di una donna. Per le americane contano solo il fisico e i soldi. “A billion dollar man” non ha bisogno del fisico mentre “an usual gay” deve essere strapalestrato. Come sempre salvo le encomiabili eccezioni che spesso purtroppo sono le "scoppiate".

Sulle americane a Firenze saprai certamente che non ci sono solo le turiste ma anche diverse migliaia di universitarie. L’ho letto in questo articolo del Corriere Fiorentino. Prova anche questo target delle universitarie. Infiltrati.

Anche sulle italiane hai centrato tutto e questa è la tua sintesi in poche parole ”l’italiana ti deve conoscere, soppesare, e poi approvare”. Centrato, quello che ho sempre scritto. Aggiungo però che ormai è lo stesso in tutta Europa. Essere conosciuto, introdotto, presentato, sdoganato dà un grande vantaggio ovunque. In Italia funziona al meglio la seduzione con le ragazze del giro degli amici di famiglia. Che io ho sempre rifiutato anche se si trattava di stra... da 9! Il libero seduttore ha vita difficile ovunque. All'estero è peggio, perché sei uno straniero. Quando ti muovi fuori del tuo ambiente naturale tutto diventa più difficile. Almeno in Europa.
Se io andassi a vivere in Sicilia dove non ho mai vissuto forse avrei la seduzione più facile. Li sono nati e vissuti tutti i miei avi e sarei percepito come uno di loro, uno che viene da lontano e ritorna alle origini. Stanotte ho sognato una bellissima siciliana che mi seduceva portandomi via per mano. Belle le siciliane.

Sul tuo punto 1:La mentalità, o l’energia universale a cui attingere: ” rischio di essere considerato un maniaco sessuale. Dovrei essere scherzoso e leggero, agganciarle con un sorrisone, o dovrei far venir fuori la mia vena polemica e cinica da uomo sperimentato? Quindi a cosa o a chi ispirarmi a livello energetico-spirituale?”
Non ti posso rispondere in una e-mail. Dovrei creare in poche parole un clone di me stesso. Impossibile. Mi devi vedere all’opera e ti devo vedere all’opera. Ogni situazione è diversa, ogni ragazza è diversa, ogni segnale è diverso. Che ti posso dire? Sulle teen non ti puoi ispirare al noto gigolò specializzato in americane? Allora ispirati a me! Però attenzione che il meglio è ispirarti a te stesso al tuo essere interiore.

”Mi pare palese dagli sguardi che alcune mi lanciano, che avrebbero voglia di avventura e di sesso, credo che gli ormoni si facciano sentire in modo potente”.
Si certo lo sappiamo bene ma quegli ormoni che scoppiano vengono bloccati dalla cultura e come hai ben capito la cultura italiana è contro quel tipo di accoppiamenti. Ti muovi anche in una Firenze molto borghese, provinciale e gruppettara. Credo non avrai gioco facile sul target teen. Ma se è questa la tua passione non ti farai fermare dalle difficoltà. Per avere la vita più facile dovresti continuare con le americane perché se risulti bene ci pensano loro ad organizzare il “dopo”, come hai già fatto esperienza. Le americane non guardano ai legami familiari o storici. Sono tabula rada, libere immigrate senza fardelli in un paese multietnico.

“Cosa può mai cercare di interessante da conoscere, un uomo quasi quarantenne, in una ragazzina che tutto deve imparare dalla vita?!” Cerca la bellezza e la gioventù; le ragazze questo credono. Ma il problema è al contrario: “Cosa può mai cercare di interessante da conoscere, una ragazzina in un uomo quarantenne?”. I comuni mortali dicono i soldi! Noi sappiamo che non è sempre così. E’ anche l’esperienza, la maturità, la saggezza, un maestro, una guida, un viso non da bamboccio ma maturo che comunichi una storia di vita.
Osho Rajneesh era contornato da belle gnocche. Ma se non sei Osho Rajneesh ci sono cose più importanti che uniscono i “senza età”: un forte interesse in comune, una forte passione in comune, un obiettivo in comune.
Sulla differenza d’età ne parlerò nella GS Revolution qui non mi dilungo.

Sul punto 2 Il look. ”Dovrei apparire come più sportivo e giovanile della mia età? Che abbinamenti fare? Si può programmare un Corso-Look dedicato? Nel frattempo quali consigli?
Come avrai letto in questo Annuncio un noto GS mi ha alla fine convinto di non dare più consigli fuori dalle consulenze private e io aggiungo che il mio tempo ha altre priorità. In ogni caso come potrei dirti quali abbinamenti fare senza vedere i pezzi da abbinare. E neppure sono pezzi scelti da me. Non conoscerti dal vivo è un’ulteriore difficoltà per dare dei consiglii azzeccati, ma anche volendo dare dei consigli fuori dalle consulenze la tua è una richiesta impossibile. Sarebbe come chiedere: “Come posso diventare più fico?” E io ti dovrei risponderti con una formula magica o con le solite caxxate che scrivono sui siti di seduzione fuffa&truffa. Per il Corso look adesso è accettato solo il GS “cassiopea” che aveva le date da me confermate e da me spostate. Gli altri saranno presi in considerazione quando pubblicherò le nuove quote di partecipazione.

Sul punto 3 Il luogo. No. Ti ho già risposto che è da maniaco rimorchiare nei pressi delle scuole. Su questo punto sono inflessibile. Non bisogna neppure avvicinarsi alle scuole. Quando si passa nei pressi di una scuola bisogna allontanarsi senza guardare.
Va bene invece girare nelle Università.
Va bene cercare l’occasione nelle zone turistiche. Io non conosco bene Firenze da poterti indicare i luoghi migliori per conoscere. In tutte le città e in tutti i quartieri può capitare la sorpresa quando meno te l’aspetti, non capita quando vai a cercarla girando a zonzo.

Sul punto 4 La scusa/il pretesto. Ti dovrei rispondere come se fossimo in una Diamante. Un corso Diamante per e-mail? Quello che scrivi nel punto 4 è quello che succederebbe quasi sicuramente per come ti stai proponendo. Ma non ti posso dare qui la soluzione. C’è da ricondizionare tutto. Tutto sbagliato. Io di solito vado spontaneo quando ho un segnale di invito e non mi sbaglio quasi mai. Attiro col look e proseguo nel modo più adatto a me, conforme al mio look, che comunica la mia anima. Non ci sono trucchi, io mi propongo come sono nella realtà.
A te darei consigli diversi, dopo averti conosciuto nella vita reale. Confermo che la mia seduzione è passiva>attiva. Di solito, ma non sempre, comincia da un invito, da un segnale, e prosegue con la mia azione alla quale deve seguire una reazione. “Non sempre” nel senso che se non c’è un invito a prima vista cerco di riceverlo in “seconda vista”. Tutti gli approcci diversi senza un invito li considero a kamikazzo e quasi mai mi cimento in kamikazzate da disperato Pua franchising. Nelle nuove conoscenze tendo al 100% di successo poi il seguito non è garantito.

Nei corsi mi adatto alle richieste e alle esigenze del GS ma se agisco io, mi cimento solo sul mio target e con il mio metodo. Il metodo, il target e il soggetto devono essere un tutt’uno. La tua realtà non è la mia realtà. Io ti devo guidare nella tua realtà. Se non conosco la tua realtà ti potrei fare sbandare.
La realtà esterna invece è oggettiva ma io non conosco neppure la realtà oggettiva sella tua Firenze.
Io cerco l’affinità naturale con le ragazze, non cerco il rimorchio a tutti i costi che non mi interessa neppure regalato. Se non c’è affinità non c’è seguito in nessun tipo di rapporto. Questa è la seduzione 2024.

Sul punto 5. Sui leggins siamo d’accordo ed è anche una moda globale. Certamente ”vogliano attirare l’uomo col proprio sedere, per poi vedere come il minchione si lascia prendere in giro”. Più precisamente vogliono soddisfare il loro narcisismo e il loro potere puntando sul richiamo sessuale. Più lunga è la fila più è confermato il loro potere. D’altronde è la stessa cosa che fanno i maschi strapalestrati che mostrano i muscoli in canotta. Però i maschi non hanno lo stesso potere sessuale delle donne. Nel maschio contano di più altre cose.

Buona seduzione americana e fiorentina, trentenni e teenager, purché maggiorenni Ciao Carlo

La vita delle americane a Firenze

Ps. Testo integrale dell'autore sul Forum riservato



Carlo consiglia la Newsletter TOP SECRET sulla seduzione. Chi, come, dove e quando sedurre: tutto quello che bisogna sapere, e che nessun altro al mondo vi può dire.



(Lunedì 3 Giugno 2024)


Home Università della seduzione      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

scrivimi.gif
© testi & foto: Seduction Magazine - tutti i diritti riservati - copyright © 1997-2024.
Sito CSTR srl    Riproduzione vietata.     Help